-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 22 aprile 2016

Wall Street in calo


Dati macro negativi, trimestrali mediamente inferiori alle attese, la seduta a Wall Street ha visto così prevalere le vendite che sono andate via via aumentando col passare delle ore. Molti hanno quindi preferito prendere profitto dopo i rialzi degli ultimi giorni.
Le prime richieste di sussidi alla disoccupazione sono ulteriormente diminuite (247.000 unità), non si riscontrava un dato così basso dal novembre del 1973! Le previsioni erano per un leggero aumento.
A preoccupare il mercato, tuttavia, il Philadelphia Fed, precipitato in aprile addirittura in territorio negativo (-1,6 punti).

Il dato del mese precedente (12,4 punti) era visto in calo (9,9 punti), ma nessuno poteva neppure immaginare un simile crollo.
Negativo anche l’indice Fed di Chicago (-0,44 punti) un altro segnale della difficoltà che sta attraversando l’economia Usa.
Ed infine doccia fredda anche per il Superindice salito solo dello 0,2% mentre le previsioni erano per un incremento ben più sensibile (+0,4%).
Vivace il mercato valutario, prima il dollaro si deprezza arrivando a 1,138 nei confronti della moneta unica, poi si rafforza tornando in area 1,128.
Dow Jones (-0,63%) svetta Ibm (+2,18%) che precede American Express (+0,91%) premiata per la buona trimestrale, quindi Nike (+0,77%)
Crolla The Travelers (-6,05%) dopo una trimestrale chiaramente deludente, così come Verizon (-3,32%), vendite anche su McDonald’s (-2,15%).
S&P500 (-0,52%) giornata decisamente positiva per il comparto biotecnologico, Biogen (+5,16%), sui massimi da oltre cinque mesi Union Pacific (+4,14%), quindi Celgene (+2,99%).
Brusca inversione di marcia per Kinder Morgan (-4,42%), stessa sorte per Mondelez (-2,94%) e Duke Energy (-2,38%).
Nasdaq (-0,05%)   rimbalza dopo i crolli degli ultimi mesi Endo Int.

(+12,04%), vola Viacom (+11,84%) dopo l’accordo con Dish Network, e nuovo massimo storico, ma solo in intraday per Tractor Supply (+4,74%)
Precipita Mattel (-5,78%) dopo una trimestrale che ha evidenziato una perdita superiore al consenso, sempre in grandi difficoltà Whole Foods Market (-3,97%) e non si risolleva neppure American Airlines Group (-3,03%).
Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro
Autore: Giancarlo Marcotti Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento