-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

martedì 26 aprile 2016

Unicredit affossato dall'alert sull'investimento in Atlante


Pessimo avvio di settimana per Unicredit che, dopo aver ceduto circa mezzo punto percentuale venerdì scorso, quest'oggi è stato travolto dalle vendite. Il titolo, che ha accusato la peggiore performance nel settore bancario, occupando peraltro l'ultima posizione nel paniere del Ftse Mib, si è fermato a 3,326 euro, con un affondo del 5,3% e circa 75 milioni di azioni scambiate, al di sotto della media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 95 milioni di pezzi.

Moody's: negativo per Unicredit l'investimento in Atlante

Unicredit ha pagato pegno quest'oggi alla negativa intonazione del mercato e in particolare del settore bancario, risentendo al contempo delle cattive indicazioni arrivate da Moody's.


Nell'ambito del suo Credit Outlook, l'agenzia di rating ha segnalato che l'investimento di 1 miliardo di euro che sarà realizzato da Unicredit e Intesa Sanpaolo è negativo sotto il profilo del merito di credito dei due big del comparto bancario.
Questo perchè il fondo appena creato interverrà negli aumenti di capitale di banche che sono a rischio risoluzione, oltre ad acquistare crediti deteriorati per i quali non c'è mercato.

Moody's ricorda che si attende una risposta dalla BCE in merito al trattamento degli investimenti realizzati dalle banche in Atlantia e in particolare deve essere ancora definito se l'investimento andrà dedotto dal capitale regolarmentare.
Se così fosse Unicredit si troverebbe ad avere un buffer patrimoniale inferiore ai requisiti prudenziali minimi fissati dalla BCE dopo gli Srep.

Rispetto a questi ultimi gli attuali indicatori di Unicredit sono piuttosto tirati, visto che il Commmon Equity Tier 1 ratio è pari al 10,73% rispetto al 10% richiesto dall'autorità. 
Nel caso in cui il patrimonio dovesse scendere al di sotto dei requisiti fissati dallo Srep, gli strumenti addizionali Tier 1 della banca rischierebbero una sospensione della cedola. 

Un alert arriva anche da Fitch

L'allarme di Moody's non resta isolato, visto che un alert simile è stato lanciato nei giorni scorsi da Fitch.

Gli analisti di quest'ultima ritengono che le maggiori banche italiane, tra cui in primis Unicredit, potrebbero registrare un indebolimento del profilo finanziario in conseguenza della loro partecipazione ad Atlante.
L'agenzia americana ritiene altresì che questo contribuirà a mettere sotto pressione i rating di Unicredit e delle altre grandi banche quali Intesa Sanpaolo e Ubi Banca, specie se non saranno messe in campo misure finalizzate a smaltire i crediti non performanti. 
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento