-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 14 aprile 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli


La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
Intesa Sanpaolo
Colpo di reni per Intesa Sanpaolo (+8,31%) che supera i massimi della settimana a 2,392 e si spinge fino al test della media mobile a 50 sedute, in transito a 2,40/2,41.

La rottura di questo riferimento, strategico in ottica di medio termine, permetterebbe di allentare le tensioni ciste nell'ultimo mese sul titolo, prospettando un allungo verso 2,54 e 2,60 almeno. Il mancato superamento di area 2,40 rappresenterebbe invece un indizio negativo capace di anticipare una nuova debolezza verso 2,25 e 2,15.
-Target: 2,60 euro
-Negazione: 2,25 euro
-RSI (14): neutrale
Eni
Eni (+4,01%) in ottima forma grazie all'apprezzamento del petrolio.

Il titolo dovrà tuttavia lasciarsi alle spalle area 14 per confermare le intenzioni di crescita per obiettivi anche distanti dai livelli attuali, individuabili a 16 e 17 euro, rispettivamente il 50% e il 61,8% di ritracciamento del ribasso dai top di luglio 2014. Ritorno alla debolezza invece se i prezzi dovessero piombare nuovamente sotto quota 12,20.
-Target: 16 euro
-Negazione: 12,20 euro
-RSI (14): neutrale
BB Biotech
BB Biotech (+3,22%) nuovamente all'attacco della resistenza a 46/46,50.

La rottura decisa di questa soglia aprirebbe spazi di crescita per obiettivi sui massimi dello scorso autunno a 55 circa. Target intermedio a 52,62, lato alto del gap ribassista di inizio anno. Discese sotto area 43 farebbero invece scattare un primo campanello d'allarme, ma solo la violazione di area 40 comporterebbe la ripresa del downtrend di lungo termine per obiettivi a 35 circa, minimi di febbraio.
-Target: 55 euro -Negazione: 40 euro
-RSI (14): neutrale
ASTM
ASTM (+1,23%) accelera al rialzo dopo il superamento della prima resistenza a 10,16.

Il titolo sembra ora ben lanciato verso 11 euro, quota pari al 61,8% di ritracciamento del ribasso subito dai top di fine novembre. Resistenze successive in area 11,20/11,30, poi a 11,82, massimo intraday del 30 dicembre. Pericolose invece a discese sotto 9,90, anticiperebbero il ritorno sui minimi di febbraio a 8,80.
-Target: 11,30 euro
-Negazione: 9,90 euro
-RSI (14): ipercomprato 

**
OVS
OVS (+2,57%) ha nuovamente reagito al test dell'area di supporto a 5 euro circa.

Se i prezzi riuscissero a lasciarsi alle spalle a 5,50 la media mobile a 50 giorni e a 5,65 la trend line che scende dai massimi dello scorso autunno, le prospettive migliorerebbero sensibilmente. Oltre questi livelli lecito attendersi il test dei 6 euro, poi di 6,55 e 6,72, massimi di dicembre.
La violazione definitiva di area 5, avvalorata da discese sotto 4,85, metterebbe invece in discussione l'intera struttura grafica del titolo, prospettando cali estesi a ritracciamento di tutto il rialzo messo a segno dai minini storici di marzo 2015.
-Target: 6 euro
-Negazione: 5,00 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento