-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 14 aprile 2016

Piazza Affari prosegue in rialzo: ecco le prossime tappe


Seduta a due facce quella odierna per le Borse europee che dopo un avvio incerto hanno trascorso la mattinata all'insegna della debolezza, salvo poi rafforzarsi e allungare progressivamente il passo nel pomeriggio, arrivando a chiudere gli scambi a ridosso dei massimi intraday. Il Ftse100 si è accontentato di un frazionale rialzo dello 0,03%, mentre il Cac40 e il Dax30 hanno guadagnato rispettivamente lo 0,47% e lo 0,67%.

I prossimo obiettivi al rialzo per il Ftse Mib

E' riuscita a fare meglio Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato le contrattazioni sui massimi di giornata a 18.329 punti, con un vantaggio dello 0,9%, dopo aver toccato un minimo a 17.985 punti.


In seguito al rally di ieri, l'indice delle blue chips inizialmente ha prestato il fianco ad alcune prese di profitto, ma dopo il test di area 18.000, conclusosi con successo con una tenuta del livello, ha ripreso la via dei guadagni, spingendosi poco sopra i 18.300 punti.
L'evoluzione della sessione odierna conferma la tesi già esposta nella rubrica di ieri di una prosecuzione del rialzo nel breve.
Ribadiamo il prossimo obiettivo in area 18.500, superata la quale il Ftse Mib tornerà a testare i recenti massimi di periodo in area 19.000/19.300. 
Al raggiungimento di quest'ultimo livello sarà probabile una pausa di riflessione e la stessa offrirà l'occasione per capire se il mercato avrà la forza o meno di proseguire lungo il sentiero rialzista.
In linea con quanto accaduto oggi, non saranno da escludere eventuali prese di beneficio e in questa direzione il primo sostegno di rilievo da monitorare è in area 18.000.


Con il cedimento di questo livello si sposterà l'attenzione sui 17.800 prima e sui 17.500 in seguito, sotto cui la discesa proseguirà in direzione dei 17.000 punti, senza escludere estensioni ribassiste fin verso i 16.800 punti nella peggiore delle ipotesi.
Solo con la rottura di quest'ultimo sostegno scatterà un campanello d'allarme, visto che il Ftse Mib potrebbe essere esposto al rischio di ulteriori vendite con obiettivo i minimi di febbraio in area 16.000/15.800.


Al momento continuiamo ad attribuire maggiori probabilità allo scenario rialzista con obiettivo il raggiungimento dei target indicati in precedenza.

I market movers da seguire in America e in Europa

Per l'ultima seduta della settimana sul fronte macro in America si segnala l'indice New York Empire State Manufacturing che ad aprile dovrebbe attestarsi a 1 punti, in lieve rialzo rispetto alla lettura precedente fermatasi a 0,62 punti.

Per la produzione industriale di marzo le stime parlano di un rialzo dello 0,1%, in recupero rispetto alla flessione dello 0,5% di febbraio, mentre la capacità di utilizzo degli impianti è attesa invariata al 76,7%.
In calendario anche il dato preliminare relativo all'indice della fiducia Michigan che ad aprile dovrebbe salire a 92,5 punti dai 91 punti della versione definitiva di marzo.


Da seguire un discorso di Charles Evans, presidente della Fed di Chicago, che parlerà di economia e politica monetaria. 
Prima dell'apertura di Wall Street saranno diffusi i risultati del primo trimestre di Citigroup dai quali ci si attende un utile per azione pari a 1,03 dollari.
In Europa sono previsti aggiornamenti macro di rilievo per la giornata di domani.

I titoli da monitorare a Piazza Affari

A Piazza Affari si conosceranno i risultati dell'esercizio 2015 di EEMS e in agenda troviamo le assemblee di Banca Popolare dell'Emilia Romagna, CNH Industrial, Fca, Ferrari, Carraro e Cattolica Assicurazioni per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento