-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 14 aprile 2016

Piazza Affari non scherza più: nuovi rialzi attesi nel breve

Prosegue l'avanzata delle Borse europee che anche ieri si sono mosse in territorio positivo, riuscendo a dare vita ad un rialzo ancora più vivace e corposo di quello della vigilia. A fine giornata il Ftse100 si è presentato al close con un progresso dell'1,93%, mentre il Dax30 e il Cac40 hanno guadagnato rispettivamente il 2,71% e il 3,32%.

Ftse Mib lanciato verso area 19.000

La maglia rosa viene indossata da Piazza Affari che, dopo essere stata l'unica a perdere terreno ieri in Europa, si è riscattata con un bel rally.

Il Ftse Mib ha terminato gli scambi sui massimi intraday a 18.165 punti, con un vantaggio del 4,13%, dopo aver segnato un minimo a 17.696 punti. 
L'indice ha avviato gli scambi già in salita e dopo aver superato la resistenza intermedia dei 17.700/17.800 punti, è andato oltre a testare l'area dei 18.000, superata con successo anche questa.
Il forte rialzo di oggi non solo ha permesso di annullare il ritracciamento della vigilia, ma ha inviato ulteriori segnali positivi.

Con la rottura di area 18.000 il Ftse Mib appare ora proiettato verso la soglia dei 18.500 punti, ultimo ostacolo da abbattere prima di un ritorno sui recenti massimi di periodo in area 19.000/19.300. 
Il raggiungimento di quest'ultimo livello dovrebbe portare ad una pausa che permetta di capire se il mercato avrà forza per spingersi ancora in avanti o meno.
Visto il forte rialzo di oggi non saranno da escludere eventuali prese di profitto nelle prossime ore.
Un primo livello da tenere sott'occhio è l'area dei 18.000 punti, sotto cui si guarderà al supporto dei 17.800/17.700 punti, anche se è più rilevante l'area dei 17.500 punti.
Con un cedimento di quest'ultima l'indice delle blue chips potrebbe perdere ulteriormente terreno in direzione di area 17.000, senza escludere un rapido allungo ribassista verso i 16.800 punti nella peggiore delle ipotesi.


Le nostre attese sono per una prosecuzione del recupero nel breve, magari intervallato da qualche presa di beneficio temporanea. Salvo sorprese negative, non prevediamo un ritorno massiccio delle vendite al meno nell'immediato.

I market movers in America e in Europa

Per oggi sul fronte macro Usa si segnalano le nuove richieste di sussidi di disoccupazione che dovrebbero salire leggermente da 267mila a 268mila unità.
Per il dato sull'inflazione di marzo si prevede una variazione positiva dello 0,2%, in recupero rispetto al calo dello 0,2% precedente, e anche la versione "core" dovrebbe mostrare un rialzo dello 0,2%, in lieve frenata in confronto allo 0,3% di febbraio.
In calendario un discorso di Dennis Lockhart, presidente della Fed di Atlanta, ma si segnala anche un'audizione al Senato di Jerome Powell, membro della Fed, sul mercato del reddito fisso.


Prima dell'avvio degli scambi a Wall Street saranno diffusi i risultati del primo trimestre di Bank of America, con un eps atteso di 0,21 dollari, ma si conosceranno anche i conti di BlackRock e di Wells Fargo che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari rispettivamente a 4,29 e a 0,98 dollari.
In Europa si conoscerà il dato finale dell'inflazione che a marzo dovrebbe salire dell'1,2%, mentre per la versione "core" è attesa una variazione positiva dell'1%.


In tarda mattinata è atteso il responso della Bank of England sui tassi di interesse che dovrebbero rimanere invariati allo 0,5%. 

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari da seguire Exor che presenterà i risultati dell'esercizio 2015 e allo stesso appuntamento saranno chiamati Alba, Borgosesia, Mid Industry Capital, Neurosoft, OVS e Premuda.

Da segnalare le assemblee di Banca Monte Paschi, Unicredit e Banco di Desio e Brianza per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio. Previste anche le riunioni assembleari di Banzai, De Longhi, IGD, Moleskine, Piaggio e First Capital che oltre al via libera ai conti dello scorso anno dovranno decidere anche in merito ad un piano di buy-back.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento