-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 8 aprile 2016

Eur/Usd: analisi Candle Model


Il supplemento di cautela esternato martedì 29 dalla Presidente Fed Yellen sulle prospettiva e soprattutto sulla tempistica del rialzo tassi in Usa ha innestato la retromarcia del Dollaro.
Per il cambio Eur/Usd  ciò ha coinciso con un apprezzamento da 1,12 all’area 1,14, rimuovendo il primo momento di verifica che nel quadro settimanale era attivo sotto 1,13 e ¾.
Nello scorso report avevamo poi introdotto la messa in osservazione dell’indicazione di calibro mensile del cambio, rialzista sin dalla chiusura settimanale del 4 dicembre 2015. In riferimento al quadro giornaliero del cambio, eravamo rimasti all’assenza di un Modello ribassista, seppur in presenza di parziale indizio di frenata.
Ridefiniamo a seguire i parametri più prossimi della lettura operativa di Eur/Usd.
 
Quadro mensile.
Nel quadro mensile il monitoraggio per il mantenimento o meno dell’indicazione rialzista in corso  si espleta dall’inizio di aprile con un controllo in itinere sulle chiusure settimanali, sin tanto il cambio resti sotto 1,1715, alla ricerca in sostanza di una certa nettezza con cui dovrebbe proseguire la progressione rialzista, pena la revisione dell’indicazione rialzista stessa.
Senza alcuna novità registrata nella chiusura settimanale di venerdì 1 aprile, per domani sera – venerdì 8 aprile – sarebbe un epilogo di settimana inferiore ad area 1,1240/1,1270 a decretare pari epilogo dell’indicazione rialzista mensile.
 
Quadro settimanale.
La capacità di oltrepassare al rialzo 1,13 e ¾ del cambio ha ripristinato la view operativa rialzista, che tuttavia si trova già a sua volta in monitoraggio (sulle chiusure di giornata) per il suo mantenimento.
Nei reiterati monitoraggi effettuati nelle giornate passate non si sono ravvisate novità. Per il rilievo di stasera, una chiusura (a NY) inferiore ad area 1,1385 (se tra 1,1326 e 1,1357 occorrerebbe ulteriore conferma) sancirebbe l’epilogo dell’indicazione rialzista settimanale.
 
Quadro giornaliero.
La tenuta di 1,1140 di settimana scorsa (presidio ravvicinato nel quadro giornaliero − vedi report precedente) ha consentito la prosecuzione del Trend/segnale rialzista giornaliero, ancora in corso, ma con un parametro per il suo mantenimento che oggi si avvicina sensibilmente ai corsi recenti: una chiusura di seduta di stasera a NY inferiore ad area 1,1397 metterebbe sotto osservazione l’indicazione rialzista, che andrebbe a revisione non appena verificata anche la condizione esecutiva del Modello di debolezza (il concetto di esecutività del Modello è approfondito nel capitolo 7 del libro “L’analisi Candle Model” - Selftrading editore, 2015).
Nel caso di attivazione del Trend/segnale ribassista, sul massimo odierno andrebbe apposta la sua protezione, sempre nel caso.
 
Dunque un insieme di verifiche tra l’altro concomitanti su tutte le scale grafiche del cambio Eur/Usd, volte a monitorare l’alveo di prosecuzione del suo percorso rialzista.
I segnali di debolezza che dovessero intervenire, andrebbero a confluire nelle ipotesi evolutive già indicate nei report precedenti.
Va fatta un’ultima considerazione che parte dall’ampiezza dello spazio grafico/stop (1,1715) che affiancherebbe le indicazioni ribassiste di calibro mensile e settimanale, da cui l’opportunità nel darne iniziale tenue consistenza (o addirittura calibrare in neutrale lo stato del segnale), riversando parte (o addirittura la maggiore parte) della sua valenza alle indicazioni direzionali di breve (in grafico giornaliero) che sono quelle meglio attrezzate (con stop anche più ravvicinati e migliore aderenza alle fasi interlocutorie) per dare maggiore aderenza alla lettura operativa di un tale contesto.
Torneremo su tale questione nei prossimi report.
 
Autore: Giacomo Moglie  http://www.traderlink.it/

Nessun commento:

Posta un commento