-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 11 aprile 2016

Buy&Sell: cosa comprare e cosa vendere nella giornata

Il Ftse Mib disegna una Long white candle che archivia la miglior seduta delle ultime 18. Il mercato reagisce con veemenza dopo la discesa partita dai massimi post riunione Bce del 14 Marzo, grazie al corposo rimbalzo dei titoli bancari che beneficiano delle indiscrezioni sull’imminente varo della società-veicolo dotata dei capitali necessari a sottoscrivere l'eventuale inoptato derivante delle future ricapitalizzazioni delle banche italiane.
 Nonostante lo sprint finale, il Ftse Mib chiude la quarta settimana negativa consecutiva che produce una ribasso da inizio anno del 18.36%. Graficamente la tenuta dei minimi annuali per diversi titoli ad elevata capitalizzazione (Unicredit, Intesa ecc) potrebbe garantire una fase di consolidamento sopra il supporto in area 16.800 con primo obiettivo in area 18.000.

Operativamente proveremo a rientrare sul mercato puntando su un titolo che potrebbe beneficare del rally dei prezzi del petrolio.
Fra i titoli interessanti per la prossima seduta, segnaliamo:
TENARIS disegna una Long white che esplode nella volatilità e testa la resistenza in area 11.15€.
Possibile intervenire a seguito del superamento di questo livello.
BPE disegna una Long white con volumi esplosivi (scambiate oltre 12 milioni di azioni) che rimbalza dal supporto in area 3.75€.

Attendiamo un consolidamento che ci consenta di individuare un punto di ingresso a più basso rischio.
UNICREDIT realizza un interessante doppio minimo in area 2.77€.
La fuoriuscita dei prezzi dal ripido canale ribassista innescherà un interessante rimbalzo.
BANCO POPOLARE rimbalza dal minimo assoluto toccato giovedì a 4.35€ disegnando una white opening marubozu.

Possibile assistere a un ulteriore reazione oltre i 5€.
Ci attendiamo volatilità su MEDIASET che accelera in after hour dopo la notizia dell’alleanza con Vivendi.
Il titolo potrebbe rientrare nel mirino degli acquirenti.
TODS prosegue la discesa riportandosi sui minimi da settembre 2010. La perforazione di area 59€ potrebbe calamitare nuovi venditori.

Autore: Pietro Di Lorenzo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento