-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

lunedì 18 aprile 2016

Buy&Sell: cosa comprare e cosa vendere della giornata

Il Ftse Mib disegna un tweezer top ovvero un pattern che presenta 2 massimi consecutivi allineati a 18.330 punti. L’indice dopo aver guadagnato il 4.7% nelle prime 4 sedute della settimana, registra una fisiologica battuta d’arresto. A trainare il mercato sono stati i titoli bancari dopo la nascita del fondo Atlante, che faciliterà gli aumenti di capitale degli istituti di credito e potrà acquistare i Non performing loans.
 Graficamente ci attendiamo un consolidamento sotto area 18.300 che consentirà di assorbire alcuni eccessi in particolare di alcuni titoli bancari che si sono apprezzati di 1/3 nel giro di poche sedute. Lunedì la giornata sarà caratterizzata dallo stacco cedola dividendo di: Autostrade Meridionali, Banca Mediolanum (saldo), Banco Desio, Banco Popolare, De' Longhi, FinecoBank, Moleskine, Piaggio, Prysmian, Recordati (saldo), UniCredit (script dividend).
Fra i titoli del S&P MIB 40 interessanti per la prossima seduta, segnaliamo fra leINDICAZIONI UFFICIALI:
Nulla
Segnaliamo fra le IDEE DI TRADING
LUXOTTICA disegna una Long white che esplode nella volatilità dopo aver toccato il minimo dal 15 gennaio 2015 a 47.05€.

Il ritorno sopra area 49.1€ potrebbe innescare un ulteriore rimbalzo.
BANCO POPOLARE prosegue il rally apprezzandosi del 43.5% dai minimi toccati il 7 Aprile. Attendiamo un rapido pull back al fine di individuare un punto di ingresso a più basso rischio.
STM disegna una white Marubozu con volumi importanti (i più elevati dal 27 gennaio).

Possibile un ulteriore allungo verso area 5.5€.
Volumi crescenti anche per FERRARI che disegna una Long white che testa la resistenza passante in area 39€.
Una chiusura superiore a questo livello, fornirà un interessante segnale rialzista.
CARIGE fornisce interessanti segnali di inversione archiviando la sesta seduta positiva consecutiva che interrompe la lunga serie di massimi decrescenti.

Autore: Pietro Di Lorenzo Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento