-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 14 aprile 2016

3 azioni dal rendimento oltre il 4%


Tanti clienti da servire, la possibilità di sfruttare un monopolio e investimenti dal ritorno interessante, senza contare flussi di cassa stabili e dividendi altrettanto stabili. 

Duke Energy (DUK)

Duke Energy è un dividendo ad alto rendimento con una storia che arriva dal 1900; si tratta della più grande utility statunitense con oltre 23 miliardi di dollari di fatturato al suo attivo per il 2015.
Il punto a favore del titolo è rappresentato dal fatto che il 90% delle entrate di Duke deriva dalle attività regolamentate, il che permette alla società di avere flussi di cassa stabili e costanti. Inoltre la società ha anche intrapreso azioni per tagliare le attività non propriamente core, dare il via ad altre dismissioni e a nuovi progetti di acquisizione tra cui quella di Piedmont Natural Gas, il tutto nell'ambito di una strategia per ridurre il profilo di rischio e l'esposizione alla volatilità del titolo.

Da un punto di vista strettamente finanziario l'analisi di Brian Bollinger ricorda che Duke Energy ha pagato dividendi trimestrali per 90 anni consecutivamente ed è uno dei migliori titoli da dividendo tra le blue chip; infatti dal 2009 al 2014 il premio, che oggi è al 4,3%, ha registrato un raddoppio del suo peso (da un iniziale aumento del +2% si è passati al +4%) mentre il 2016 potrebbe essere il nono anno di aumenti consecutivo.

Southern Company (SO)

Southern Company azienda in attività da oltre 100 anni, specializzata, come Duke, nell'erogazione di gas ed elettricità, serve circa 4,5 milioni di clienti divisi tra Mississippi, Georgia, Alabama e Florida e sempre come Duke Energy vede circa il 90% dei guadagni provenire da operazioni regolamentate, il che rende il suo business molto stabile.

Una stabilità che aumenterà nel tempo dopo che la società chiuderà l'acquisizione di AGL Resources con la quale Southern cambierà il suo business, finora focalizzato per intero sull'elettricità, verso una diversificazione che vedrà il 50% di forniture provenire anche dal gas naturale anche in vista di un aumento della popolazione del bacino di riferimento di cui si occupa Southern.
Da un punto di vista strettamente finanziario il suo dividendo è al 2%, risultato al 14esimo aumento consecutivo del dividendo, attualmente al 4,3%. Ancora più importante,Bollinger sottolinea che Southern ha una storia di più di 67 anni ininterrotti di dividendi trimestrali.

PPL (PPL)

Anche in questo caso ci troviamo di fronte a una società specializzata nel rifornimento domestico di elettricità a più di 10 milioni di clienti tra Pennsylvania e Kentucky.

La società ha deciso l'anno scorso di rientrare tra quelle del business regolamentato il che ha consentito a PPL di sfruttare margini più elevati, un basso livello di rischio e guadagni più prevedibili. La gestione, ricrda il report, ha permesso l'aumento per 14 degli ultimi 15 anni del dividendo, attualmente al 4,2%, anche se non si è mani andati oltre aumenti particolarmente forti (solitamente dell'1%) .



Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento