-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 11 marzo 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli


La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
Intesa Sanpaolo
Volatilità alle stelle per Intesa Sanpaolo (+1,11%) che resta però ferma poco sotto la media mobile a 50 sedute, in transito a 2,57 circa, in attesa di spunti convincenti per estendere la reazione avviata a febbraio.

Una chiusura di ottava oltre questo riferimento tecnico permetterebbe di allentare le tensioni ribassiste degli ultimi mesi favorendo il recupero di 2,70 e 2,80 almeno. Sotto 2,39 resterebbe solo area 2,10 a scongiurare approfondimenti verso 1,99/2,00.
-Target: 2,75 euro
-Negazione: 2,39 euro
-RSI (14): neutrale
Ubi Banca
Ubi Banca (+1,25%) ringrazia Draghi e sale fino a testare i primi ostacoli a 3,95/4 circa salvo poi fare dietro front.
Oltre quest'area resterebbe la media mobile a 50 sedute, in transito a 4,25, a frenare le ambizioni di crescita del titolo, che altrimenti potrebbe allungarsi fino a 4,95/5 euro. Segnali di pericolo invece sotto 3,55. In tal caso verrebbe confermata una nuova fase di debolezza che, sotto il minimo del 19 febbraio a 3,238, rischia di ricondurre i prezzi a 2,82, minimo di febbraio.
-Target: 4,95 euro
-Negazione: 3,238 euro
-RSI (14): neutrale
Anima Holding
Sulla notizia dell'ampliamento del QE da parte della Bce, Anima Holding si riaffaccia sulle resistenze a 6,40 circa, salvo poi tornare sui propri passi archiviando la seduta a 5,925.

Sopra 6,40 verrebbero gettate le basi per un allungo verso l'ostacolo successivo a 7,22, picco del 27 gennaio. La violazione a 5,60 della linea che sale dai minimi di inizio febbraio potrebbe invece determinare nuovi cali. Difficile in questo caso impedire la violazione dei recenti minimi a 5,095 per obiettivi negativi in area 4,80.
-Target: 7,22 euro
-Negazione: 5,60 euro
-RSI (14): neutrale
Geox
Geox (+6,20%) si mette in luce in avvio di seduta.
Il titolo dovrà tuttavia rompere con decisione la resistenza a 3,10 circa e la media mobile a 50 sedute in transito a 3,25 circa per inviare segnali convincenti di ripresa. Conferme in tal senso creerebbero le premesse per il riavvicinamento a 3,65/3,70, un ostacolo determinante nel breve termine oltre il quale si aprirebbe la strada al ritorno sul top di novembre a 4,39.

Discorso diverso invece al cedimento di area 2,76: probabile in tal caso un nuovo test dei minimi di febbraio a 2,58.
-Target: 4,39 euro
-Negazione: 2,76 euro
-RSI (14): neutrale
Biesse
Compare una shooting star sul grafico di Biesse (+0,08%) che sale fino alle resistenze posizionate tra i 14 e 14,30 euro per poi arretrare sui livelli di apertura a 13,31.
Oltre 14,30 lecito credere in un allungo verso area 15/15,40 e successivamente fino a 15,95/16,00. Nella direzione opposta, discese sotto la media mobile a 50 sedute in transito a 12,82 preluderebbero al ritorno a 11,20 circa.
-Target: 15,40 euro
-Negazione: 12,82 euro
-RSI (14): neutrale
Saras
Seduta a due velocità per Saras (-1,44%) che prima rimbalza dai supporti in area 1,30/1,33, dove troviamo i recenti minimi e le ex resistenze rappresentate dai massimi visti tra febbraio e maggio 2014, ma poi archivia la seduta proprio a ridosso degli stessi, annullando il tentativo di rimbalzo.

I prezzi dovranno duneu fare uno sforzo notevole per riportare fiducia negli acquisti e salire oltre il picco del 2 marzo a 1,624. Probabile in tal caso assistere a un'accelerazione verso 1,72/1,73, lato alto del canale che scende dai top dello scorso aprile. Sotto 1,31 via libera invece verso area 1,20.
-Target: 1,72 euro
-Negazione: 1,31 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento