-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 10 marzo 2016

Sotto La Lente Dell'Analisi Tecnica: attese e obiettivi sui principali titoli

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti al principale indice di benchmark italiano, il FTSE MIB, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).
Telecom Italia
Telecom Italia (+1,55%) è riuscita a sfruttare la media mobile a 50 sedute, a 0,98 circa, per rimbalzare, raggiungendo la linea che scende dai massimi autunnali a 1,05.

La rottura di questo ostacolo rappresenterebbe un punto di svolta per il titolo che potrebbe così ambire al ritorno a 1,12/1,13 ed eventualmente a 1,18, massimi di fine dicembre. Sotto 0,961 ritorno alla debolezza preludio a ripiegamenti verso area 0,91. Solo sotto 0,88 circa, media mobile a 20 sedute, rischio di ritorno a 0,7965.

-Target: 1,077 euro
-Negazione: 0,88 euro
-RSI (14): neutrale
Piaggio
Piaggio (+3,70%) recupera quanto perso nella seduta di martedì e tenta di riattivare la crescita verso 2,37, target del testa e spalle disegnato dai minimi di gennaio. Sotto la media mobile a 50 sedute, in transito in area 1,92, le attese di rialzo verrebbero meno anticipando approfondimenti verso 1,737, riferimento determinante per scongiurare nuovi cali verso i minimi recenti a 1,556.
-Target: 2,37 euro
-Negazione: 1,92 euro
-RSI (14): neutrale
Azimut
Azimut (+2,08%) preme da alcune sedute contro i primi ostacoli a 19,60/19,70.

La rottura di questo scoglio, coincidente con il 50% di ritracciamento del ribasso dai top di dicembre, permetterebbe di credere che il titolo possa spingersi fino a 21,70/22, lato alto del canale che contiene la correzione dallo scorso maggio. Discese sotto area 18 insinuerebbero dei dubbi sulla capacità dei prezzi di prolungare la reazione avviata a febbraio.
Sotto 16,63 rischio poi di nuovi cali verso i recenti minimi a 15,09 euro.
-Target: 21,70 euro
-Negazione: 16,63 euro
-RSI (14): neutrale
Ei Towers
La reazione che Ei Towers (+2,08%) ha intrapreso dai minimi di febbraio a 46,40 circa ha riportato i prezzi a contatto con la media mobile a 50 sedute, a 52 circa.

Solo una vittoria su questo ostacolo riporterebbe fiducia negli acquisti prospettando un allungo fino a 54,60, quota pari al 61,8% di ritracciamento del ribasso subito a gennaio. Sotto area 50 tali attese non troverebbero conferma lasciando spazi a nuovi ribassi.
-Target: 54,60 euro
-Negazione: 50 euro
-RSI (14): ipervenduto
Maire Tecnimont
Maire Tecnimont (+6,06%) si lancia all'attacco dei massimi di fine 2015 a 2,53.
Il titolo sta dunque tentando di dare seguito alla reazione avviata adi minimi di febbraio e ha già recuperato metà di quanto lasciato sul campo con la flessione del semestre precedente. Conferme in tal senso permetterebbero di credere che il titolo possieda i requisiti per estendere il rimbalzo verso 2,678, picco del 1 dicembre 2015 e fino a 2,90 circa.

Nuova debolezza invece sotto area 2,20. Target a 2,10 e 2 euro circa. 
-Target: 2,678 euro
-Negazione: 2,20 euro
-RSI (14): neutrale
Retelit
Retelit (+2,82%) prova a ripartire sostenuta dal supporto dinamico offerto a 0,53 dalla media mobile a 50 sedute. La permanenza dei prezzi sopra questo riferimento dovrebbe garantire il sostegno per proseguire il rimbalzo intrapreso a febbraio oltre gli ostacoli posti tra 0,62 (linea che scende dai massimi di settembre 2014) e 0,63, picco di dicembre.

Sotto 0,53 attesi invece ripiegamenti verso area 0,51, poi a 0,49.
-Target: 0,63 euro
-Negazione: 0,53 euro
-RSI (14): neutrale
(CC)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento