-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 23 marzo 2016

Piazza Affari non lascia spazia di manovra ai ribassisti


Un finale del tutto inaspettato quello di ieri per le Borse europee che, dopo un avvio in ribasso, appesantito subito dopo da ulteriori vendite, sono riuscite a recuperare terreno, chiudendo gli scambi in salita. Il Cac40 e il Ftse100 hanno terminato gli scambi con un frazionale rialzo dello 0,09% e dello 0,13%, preceduti dal Dax30 che è salito dello 0,42%.

Ottima reazione del Ftse Mib al ribasso iniziale

Poco mossa la conclusione di Piazza Affari dove il Ftse Mib si è fermato a 18.698 punti, sui massimi intraday, con un impercettibile progresso dello 0,01%,dopo aver segnato nell'intraday un minimo a 18.286 punti.


L'indice in avvio è stato colpito dalle vendite, scendendo a testare il supporto dei 18.300 punti, la cui tenuta ha favorito un ottimo recupero in direzione dei 18.700 punti.
La reazione odierna del mercato dopo i luttuosi eventi che hanno colpito Bruxelles, mostra una forza sottostante del Ftse Mib, che se da una parte non è riuscito per ora a riconquistare la soglia dei 19.000/19.200 punti, dall'altra non sembra voler cedere la mano ai ribassisti.
Fino a quando i corsi si manterranno al di sopra dei 18.500/18.300 punti ci saranno ancora le condizioni per assistere ad ulteriori spunti rialzisti nel breve.

Con il superamento dei 18.700/18.800 il Ftse Mib andrà a testare nuovamente la soglia dei 19.000/19.200 punti, oltrepassata la quale ci sarà spazio per un test di area 19.500. Sarà questo l'ultimo ostacolo da abbattere prima di un ritorno sui 20.000/20.100 punti, da molto indicato come target del movimento in atto.
Lo scenario rialzista appena descritto potrebbe iniziare a scricchiolare con discese al di sotto dei 18.500/18.300, preludio ad un test di area 18.000.

L'abbandono di questa soglia aprirà le porte a ripiegamenti verso i 17.500 prima e in seguito in direzione di area 17.000, con conseguente deterioramento tecnico del mercato.

I market movers di domani in America e in Europa

Per la prossima seduta sul fronte macro Usa si segnala l'indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari.
Ancor più importante sarà l'aggiornamento riguardante le vendite di case nuove che a febbraio dovrebbero salire da 494mila a 510mila unità. 
Nel pomeriggio è atteso il consueto report settimanale sulle scorte strategiche di petrolio che sarà diffuso dal Dipartimento dell'energia.
Sul versante societario da seguire General Mills che prima dell'avvio degli scambi alzerà il velo sui conti degli ultimi tre mesi dai quali ci si attende un utile per azione pari a 0,62 dollari, mentre a mercati chiusi l'attenzione si sposterà sui risultati di KB Home che per non deludere le attese dovrà centrare l'obiettivo di un eps pari a 0,11 dollari.
In Europa non si segnalano dati macro di rilievo e sarà da seguire in Germania l'asta dei titoli di Stato con scadenza nel 2046 per un ammontare pari a 1 miliardo di euro, mentre in Portogallo saranno offerti titoli di Stato con scadenza nel 2021 e 2030, per un importo tra 750 milioni e 1 miliardo di euro.

I titoli da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari diffonderanno i risultati dell'esercizio 2015 Trevi Fin., Aedes, Brioschi, Caleffi, Conafi Prestitò, Enervit, Immsi, LVenture Group, Management&Capitali e Tas.
Da seguire Mediaset che ha chiuso il 2015 con un utile netto in flessione da 23,7 a 4 milioni di euro, a fronte di ricavi in crescita da 3,414 a 3,525 miliardi di euro.
Enel invece si è lasciato alle spalle lo scorso anno con un utile netto in rialzo del 324,8% a 2,196 miliardi di euro, mentre il fatturato è calato dello 0,2% a 75,658 miliardi di euro.
Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento