-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

mercoledì 9 marzo 2016

3 azioni troppo care da prendere in considerazione


Secondo Warren Buffett qualsiasi azioni, per quanto ottima, se pagata troppo cara, non è mai un buon affare. 

Merck&Co, Inc. (MRK)

Merck è una delle più grandi aziende farmaceutiche al mondo e nell'analisi di Tim Melvin viene sottolineato come l'azienda sembri riuscire a sfruttare molto bene a suo favore fattori come l'invecchiamento della popolazione inoltre, da un punto di vista strettamente finanziario si parla di un dividendo al 3,53%, particolarmente interessante alla luce dei bassi tassi solitamente offerti dal mercato.

I dubbi del report, però, nascono quando si va ad analizzare la prospettiva di crescita futura con una percentuale del 4,7% all'anno per i prossimi cinque anni, percentuale decretata dalla maggior parte degli analisti a Wall Street; ebbene a queste condizioni si andrebbe a pagare più di 30 volte gli utili in cambio i una crescita definita “tiepida”.

The Coca-Cola Co (KO)

Costoso quanto popolare, un marchio che ha fatto la storia di una nazione e che è simbolo dell'intera cultura occidentale.

Dal 2009 ad oggi si è potuto vedere un costante aumento dei dividendi ma anche dei prezzi e a goderne sono stati gli azionisti che hanno comprato proprio durante la tempesta della crisi appena nata. Chi invece volesse entrare in gioco adesso si troverebbe un'azione scambiata a 25 volte gli utili, nonostante un tasso di crescita previsto per i prossimi cinque anni di appena il 2,2%.

General Electric Company (GE)

Un business che è una storia di successo anche sul fronte dei dividendi in costante crescita.

Ma anche in questo caso Melvin nota come la fortuna di sfruttare prezzi in crescita e aumenti della cedola riguardi il passato: oggi il titolo è pagato 17 volte gli utili per il prossimo anno secondo la stime degli analisti il che, di fronte a prospettive anemiche di crescita a livello mondiale potrebbe far apparire inutile anche un elemento di appetibilità come il dividendo al 3,02%.


Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento