-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

giovedì 31 marzo 2016

3 azioni famose che però non hanno dato profitto


Non sempre la fama paga. Forse perchè gli investimenti fatti devono ancora fruttificare oppure perchè il modello di business non è sufficientemente completo per essere interessante. 

Yelp (YELP)

Yelp, per quanto amato, è uno di quegli investimenti che non ha ripagato, soprattutto a causa dell'aumento delle spese di marketing e di gestione che, nota Wayne Duggan nel suo report, hanno superato le entrate.

Negli ultimi quattro trimestri, YELP, il sito che recensisce tutto, non è riuscita a gestire se stesso creando un passivo di quasi 33 milioni di dollari ($ 32,9 milioni per l'esattezza). Nel lungo termine, YELP spera che l'enorme quantità di denaro spesa per l'espansione internazionale pagherà, ma finora i mercati internazionali coprono solo il 2,0% del totale delle entrate, il tutto mentre le azioni sono in calo di circa il 75%% negli ultimi due anni.



Twitter (TWTR)

Quello dei social media è stato da sempre un mondo molto particolare sia da un punto di vista sociale, viste le conseguenze che ha portato nella vita di tutti i gironi e nei rapporti interpersonali, sia finanziario dal momento che, con i vari sbarchi a Wall Street, il primo interrogativo che ci si poneva era come si potesse monetizzare un tipo di business che era completamente diverso da tutti gli altri e che faceva della gratuità e della condivisione i suoi punti di forza.

Solo questione di tempo, secondo gli esperti, i quali hanno avuto ragione con nomi come Facebook (FB) e LinkedIn (LNKD) con un felice esito di quell'interrogativo che vedeva la crescita esponenziale dei clienti non corrisposta dall'aumento delle entrate. Purtroppo per gli investitori, se FB è riuscita a mantenere i suoi numeri sfruttando la sua transizione su dispositivi monile, Twitter e Linkedin in questo caso hanno fallito.
Stando al report di Duggan negli ultimi quattro trimestri, FB ha generato un utile netto di $ 3.67 miliardi di dollari, mentre l'utile netto dell'uccellino si è attestato su un risultato ngativo di -521 milioni mentre quello di Linkedin a -166.

Sul fronte finanziario le azioni di Twitter hanno perso negli ultimi due anni circa il 65% mentre quelle di Linkedin il 40%.


Tesla (TSLA)

Quello di Tesla è un discorso un po' diverso dagli altri: la società guarda all'inaugurazione del suo nuovo Model 3, in arrivo oggi.
Stando ai numeri del report è bene ricordare che negli ultimi 12 mesi l'azienda ha generato un utile netto passivo, tradotto in numeri si parla di -888.700.000 di dollari ma l'altro lato della medaglia, quello che la differenzia dagli altri titoli presi in esame, è il boom fatto sul fronte finanziario, dove le azioni dell'azienda specializzata in auto elettriche sono salite del 900% in soli 5 anni.

Il motivo? Il piano a lungo termine della società, piano che l'accomuna ad altri grandi nomi come Amazon.com (AMZN) and Netflix (NFLX)  e che vede il primo tassello proprio in quel Model 3 che esordisce oggi; il suo compito sarà quello di mordere fette di mercato a Ford e General Motors, eventualità che gli investitori hanno già intuito premiandola anticipatamente.



Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento