-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 26 febbraio 2016

Wall Street, continua il recupero



Seduta molto importante per le Borse d’Oltre Oceano che, dopo una partenza debole innestavano la marcia giusta e continuavano una risalita che si fermava solo al fixing.
Un segnale molto importante arrivato sulla scia della notizia del raggiungimento di un accordo fra Russia, Arabia Saudita, Qatar e Venezuela per limitare le estrazioni petrolifere, il conseguente rialzo dei prezzi ha giovato alle aziende del settore, ma non solo.
Le Borse di tutto il mondo ormai da tempo sono particolarmente correlate all’andamento dei prezzi petroliferi, e gli operatori non aspettavano altro che una notizia di questo genere per tornare con convinzione sul mercato.
Se a ciò aggiungiamo che gli ordini dei beni durevoli sono aumentati del 4,9% e cioè al ritmo più elevato da quasi due anni ecco spiegata la seduta odierna che ha riportato il DJ a sfiorare quota 16.700 (non accadeva dall’Epifania).
Per l’S&P500 è chiaro che ora si punta senza indugio a quota 2.000, raggiunto quell’obiettivo si deve cercare un consolidamento su quei livelli.
La seduta ha riportato fiducia sui mercati, e sappiamo tutti quanto conti anche l’aspetto psicologico, ora non deve assolutamente deludere Draghi, il momento è topico.
Dow Jones (+1,62%) continua a salire United Technologies (+4,76%) che termina sul massimo dell’anno, non smette di stupire Nike (+3,28%) giunto al nono rialzo di fila e riparte anche E.I.

Du Pont (+2,37%)
Nessun titolo ha terminato la seduta facendo segnare un calo rispetto alla vigilia.
S&P500 (+1,13%) settori diversi sul podio odierno: Allergan (+4,09%), Anadarko Petroleum (+3,95%) e Morgan Stanley (+3,88%)
Doveva rifiatare invece Time Warner (-1,22%), in calo anche Union Pacific (-0,96%) quindi Norfolk Southern (-0,37%)
Nasdaq (+0,87%) un altro titolo che dai minimi del 10 febbraio sta recuperando in gran fretta è Tesla Motors (+4,71%), a seguire T-Mobile US (+4,30%), quindi Charter Comm (+4,12%)
Torna a scendere invece Jd.Com (-2,92%), dietro-front anche per Baidu (-2,78%) e Netapp (-1,44%).
Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro  
Autore: Giancarlo Marcotti Fonte: News Trend Online

Nessun commento:

Posta un commento