-
.....................

PER MANTENERTI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 26 febbraio 2016

Ftse Mib future in decisa crescita giovedi'


Ftse Mib future in decisa crescita giovedi' (+1,6%) con le borse che guardano speranzose alla Bce. I dati relativi all'andamento dei prezzi al consumo nell'area euro di gennaio mostrano una crescita dello 0,3% da un anno fa (dato definitivo) rispetto alle attese di un +0,4%. L'inflazione resta bassa, anche piu' di quello che la Bce si aspettava, i mercati iniziano ad incorporare nelle quotazioni nuovi interventi gia' a partire da marzo.
Secondo JP Morgan la Banca centrale europea tagliera' a marzo di altri 20 punti base i tassi di deposito, attuando anche un incremento di 10 miliardi degli acquisti mensili nell'ambito del programma di alleggerimento quantitativo fino ad un totale di 70 miliardi di euro al mese e prospettera' anche una estensione dello stesso alleggerimento quantitativo fino alla meta' del 2017.

Probabili anche altre due Tltro (targeted longer-term refinancing operations) durante il secondo semestre di quest'anno. Possibile poi un altro taglio di 20 punti base sui tassi di deposito a giugno e l'annuncio di un ulteriore prolungamento del QE fino alla fine del 2017. Quello che per il momento gli investitori fanno finta di ignorare e' che una politica di allentamento da parte della Bce e' la risposta ad un quadro economico deludente, che alla lunga rischia di penalizzare i listini azionari e non certo di aiutarli.

E' comunque possibile che le borse cerchino di dare un seguito al rimbalzo visto nella seduta di giovedi' per prolungarlo fino a meta' marzo, quando la Bce rendera' note le sue decisioni, ma prima di poter abbassare la guardia gli investitori dovranno verificare il superamento di alcuni ostacoli rilevanti.
Il primo per il Ftse Mib e' la resistenza a 17225, picco del 24 febbraio (la seduta di ieri e' infatti stata un "inside day", tutta compresa all'interno della precedente, il cui picco funziona ancora da resistenza), poi, ben piu' importante, l'ostacolo dei 17620-17630 punti, massimi del 18 e 23 febbraio.

Solo oltre quei livelli sarebbe lecito ipotizzare il test di area 18500, 38,2% di ritracciamento del ribasso dal top di ottobre, e 19350. Sotto 16510, base del gap del 15 febbraio, rischio di ritorno sui minimi di 15765. Supporto successivo a 15015, minimo del 3 luglio 2013, e a 14900, minimo di fine giugno 2013.
(AM)
Autore: Financial Trend Analysis Fonte: News Trend Online
Canale: Ultime News

Nessun commento:

Posta un commento