-

RIMANI SEMPRE IN CONTATTO CON LATOOSCURO-TRADING.COM TWITT

venerdì 19 aprile 2019

Ftse Mid Cap: Piaggio incontenibile verso nuovi record


Impressionante serie di massimi crescenti per Piaggio che in chiusura di settimana mette a segno un rialzo di quasi 10 punti percentuali e dal 25 marzo i rendimenti sommano uno strabiliante +24 per cento.
I prezzi corrono nelle ultime sedute grazie alle parole rilasciate da Roberto Colaninno, maggiore azionista della società grazie ad un leveraged buyout su Piaggio stessa da parte di Immsi, per circa 550 milioni, e successiva quotazione nel 2006, che parla di un trimestre eccellente in termini di vendite.
Tanto basta ad esaltare gli investitori che continuano a comprare, con testimoniano i volumi scambiati triplicati rispetto alla media a partire dal breakout oltre i 2 euro di fine febbraio scorso.
La maggioranza dei broker concorda su un target price medio intorno a 2.70 euro, evidenziando come l'incremento delle vendite genererà un cash flow maggiore.
Ciò a sua volta consentirà di coprire gli elevati oneri finanziari gravanti sul gruppo e pari a circa 430 milione a fine 2018.
Per quanto riguarda la struttura tecnica del prezzo, la dinamica rialzista assunta potrebbe proseguire superando la forte resistenza posta a 2.70 euro.

In realtà vista la velocità di salita attuale le probabilità che venga raggiunta i massimi di di novembre 2017 è molto elevata, rendendo eventuali ingressi su possibili prese di profitto molto interessanti in termini di rendimento.
Infine lo scenario ribassista più concreto nel breve periodo è rappresentato dal cedimento del forte supporto posta a 2.20, vero baluardo dell'exploit rialzista. 

Strategie operative su Piaggio

Per le posizioni long: ai prezzi correnti il titolo è ormai prossimo a raggiungere un livello adeguato al suo effettivo valore.
Meglio dunque approfittare, come già recentemente verificato, di tutti i possibili ribassi che dovessero presentarsi lungo i supporti di 2.30 e 2.10 euro, iniziando ad accumulare il titolo in portafoglio a prezzi più vantaggiosi.
Per le posizioni short: mantenere il titolo in portafoglio aspettando la verifica della resistenza più importante a 2.72 euro, superata la quale non resta che l'obiettivo di 2.85  da cui prevarranno le vendite. 
Fonte: News Trend Online

Reddito cittadinanza: soldi arrivati, ma la confusione è totale


Sono quasi mezzo milione, 487 mila per l'esattezza, le card in viaggio in queste ore negli uffici postali. Sono le carte per l'erogazione del reddito di cittadinanza a favore di 487 mila cittadini che hanno presentato la domanda per il sussidio, e che l'Inps ha già lavorato ed accolto.

Controllo reddito di cittadinanza, impossibile senza SPID o PIN Inps


I soldi per il reddito di cittadinanza sono quindi arrivati, o stanno arrivando, ma per molti la confusione e totale al punto che l'Inps è stata letteralmente bombardata, anche sui social, con domande di ogni tipo.

Ci sono infatti coloro che hanno ricevuto l'Sms di via libera al reddito di cittadinanza, ma che non conoscono l'ammontare della cifra mensile disposta in quando non in possesso del PIN Inps o di SPID per fare un controllo.

Carta reddito cittadinanza, un solo bonifico al mese per mutuo o affitto

Ma in tanti, forse tutti, al momento non sanno in realtà come andare a spendere poi il reddito di cittadinanza, e come funziona il meccanismo delle penalità se l'importo caricato non viene speso del tutto.

Al riguardo ricordiamo che per ora è noto ed assodato che con la carta del reddito di cittadinanzasarà possibile fare un solo bonifico al mese, quello relativo al pagamento del canone d'affitto o della rata del mutuo.

Carta RdC, limite ai prelievi e niente gioco d'azzardo

Solo una piccola quota mensile del reddito di cittadinanza, inoltre, sarà prelevabile in contanti, da un minimo di 100 euro, per chi è single, ad un massimo che dovrebbe essere di 210 euro per le famiglie numerose.
Per il resto, il reddito di cittadinanza potrà essere speso per l'acquisto di beni di prima necessità, dal supermercato alle farmacie, e per pagare le bollette di luce e gas.

Assolutamente vietato, tra l'altro, è l'utilizzo delle somme erogate dallo Stato per l'acquisto e l'accesso al gioco d'azzardo. Niente Gratta e Vinci, niente videopoker e niente scommesse

Autore: Filadelfo Scamporrino Fonte: News Trend Online

Ftse Mib: scenario interessante. Toro ancora vivace nel breve?


L'ultima seduta di questa settimana più breve del solito, si è conclusa in maniera contrastata per le Borse europee. Si sono spinti ancora in avanti il Dax30 e il Cac40 che sono saliti rispettivamente dello 0,57% e dello 0,31%, mentre non è riuscito a fare altrettanto il Ftse100 che ha ceduto lo 0,15%.

Ftse Mib in lieve calo dopo gli ultimi rialzi

A rimanere più indietro degli altri è stata Piazza Affari che ha visto il Ftse Mib terminare gli scambi a 21.956 punti, in calo dello 0,2%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 22.024 e un minimo a 21.789 punti.
Positivo però il bilancio settimanale visto che nelle ultime quattro sedute l'indice delle blue chips ha guadagnato lo 0,45% rispetto al close del venerdì precedente.
Dopo cinque sessioni consecutive con il segno più, il Ftse Mib oggi ha tirato un po' il fiato, riuscendo comunque a limitare decisamente le perdite nel finale rispetto al ribasso accusato nel corso della mattinata.
L'indice in avvio di settimana ha provato subito a mettere sotto pressione l'area dei 22.000, violandola frazionale nell'intraday, senza riuscire a riconquistarla.
Nella sessione di ieri le quotazioni si sono spinte fino all'area dei 22.050, salvo poi tornare indietro e scendere oggi a testare la soglia dei 21.800, da cui però hanno avviato un buon recupero, riportandosi nuovamente a poca distanza dal livello psicologico dei 22.000 punti.

Ftse Mib: a breve una rottura decisa di area 22.000?

Il mercato conferma una solida impostazione rialzista e se da una parte non si è ancora materializzata la rottura di area 22.000, dall'altra non stiamo assistendo ad alcun ripiegamento degno di nota.
Gli attacchi ribassisti fino a questo momento si sono rivelati di una portata molto contenuta e sono stati subito respinti da nuovi acquisti, con un'oscillazione del Ftse Mib sempre a poca distanza dall'area dei 22.000.
Dopo il lungo ponte legato alle festività di Pasqua, non saranno da escludere nuovi attacchi alla suddetta soglia.

Con un superamento deciso di area 22.000/22.050 punti, il Ftse Mib punterà dapprima alla soglia dei 22.200 punti e in seguito all'area dei 22.500.
In caso di ulteriore spinta al rialzo, non saranno da escludere tentativi di allungo in direzione dei 22.800 punti, con possibili estensioni fino all'area dei 23.000 nella migliore delle ipotesi.
Al ribasso un primo supporto intermedio per il Ftse Mib lo possiamo individuare in area 21.800, ma sarà ben più rilevante la tenuta dei 21.500 punti, già testati in chiusura della scorsa ottava.
Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?

Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com
Eventuali discese al di sotto della soglia appena segnalata potrebbero condurre l'indice a chiudere il gap lasciato aperto a inizio aprile a ridosso dei 21.300 punti.
Con il cedimento anche di quest'ultima soglia la discesa proseguirà verso il livello psicologico dei 21.000, raggiunto il quale si dovrebbe assistere ad una ripresa degli acquisti.
Nel breve eventuali arretramenti fino ad area 21.000 saranno da leggere come semplici ritracciamenti, da sfruttare per nuovi ingressi long, previa opportuna verifica della tenuta dei supporti di riferimento.

Domani Borse UE e Usa chiuse.

Lunedì aperta solo Wall Street

Domani i mercati azionari europei e americani saranno chiusi, mentre lunedì prossimo, 22 aprile, tornerà agli scambi solo Wall Street.
Sul fronte macro Usa per la prima seduta della prossima settimana si segnala l'indice Cfnai che a marzo dovrebbe recuperare da -0,29 a -0,25 punti, mentre le vendite di case esistenti a marzo dovrebbero calare da 5,51 a 5,3 milioni di unità.
Sul versante societario prima dell'apertura di Wall Street si conosceranno i risultati del primo trimestre di Halliburton, con un eps atteso a 0,22 dollari, mentre a mercati chiusi saranno resi noti i conti di Baidu che per non deludere le attese dovranno centrare l'obiettivo di un utile per azione pari a 0,71 dollari.

I market movers UE e Usa di martedì 23 aprile

Per martedì in America è in agenda l'indice settimanale Redbook relativo alle vendite al dettaglio nelle maggiori catene Usa.


Per le vendite di case nuove a marzo si prevede un calo da 667mila a 650mila unità.
Diversi gli spunti sul fronte societario, visto che prima dell'avvio degli scambi a Wall Street si conosceranno i dati trimestrali di Procter & Gamble e di Verizon Communications, dai quali ci si attende un utile per azione di 1,03 e di 1,17 dollari, mentre per United Technologies si scommette su un eps pari a 1,71 dollari.
A mercati chiusi l'attenzione si sposterà sui conti di Advanced Micro Devices e di eBay, per i quali si prevede un utile per azione di 0,05 e di 0,63 dollari, mentre Snap dovrebbe riportare una perdita per azione di 0,12 dollari.
In Europa martedì si conoscerà solo il dato preliminare relativo alla fiducia dei consumatori che a marzo dovrebbe attestarsi a -7 punti, in recupero rispetto alla lettura precedente fermatasi a -7,2 punti.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari si segnalano per martedì le assemblee di Gabetti e Ratti per l'approvazione dei dati di bilancio dell'esercizio 2018.
Fonte: News Trend Online

LA SETTIMANA CALENDARIO RISULTATI UTILI SOCIETA' QUOTATE

Calendario Utili fornito da Investing.com Italia - Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.